Vettenuvole

Reali fantasie di nuvole, montagne e altre amenità

Santanel

Ultime piccozzate
Gfb esce dalla Santanel

Riccoci alla Cascata di Santanel. La volta precedente eravamo fuggiti terrorizzati dal caldo föhn, poco rassicurante. Nemmeno oggi fa freddo, si sale senza giacca, ma almeno le condizioni sono buone. La giornata è serena. Le previsioni a medio termine sono spietate, l’inverno pare cedere in anticipo, arrivano ripetute correnti di scirocco. Rinuncio ad una sciata che mi attirava. Santanel adesso o mai più!

Gfb sale con astuzia la cascata, arriva alla prima sosta con un traverso che mi fa un po’ riflettere. La seconda lunghezza è spettacolare, su un ghiaccio ripido ed azzurrino. Rigonfio di festoni e rigole luccicanti. Meraviglioso! Gianfranco è davvero abile, tanto più che l’uscita è su ghiaccio sottilissimo, inquietante, delicatissimo. In cima troviamo un paio di volontari del Soccorso Alpino. Stanno attrezzando le soste a spit. Un’opera utile, della quale siamo davvero grati. Abbiamo l’onore di inaugurare la prima doppia ultrasicura dalla Santanel.

Ringrazio Gfb per avermi tirato questa bella cascatona.

Avvicinamento
avvicinamento
Flora
flora glaciale
Santanel
visione d'insieme
Prima lunghezza
sulla prima lunghezza
Santanel
Gfb
Santanel
salita articolata
Avvitamento
ghiaccio spettacolare
Santanel
ancora momenti della salita
In cima
Preparativi per la doppia
Santanel
seconda doppia
Di ritorno
è fatta!
Di ritorno da te.
Gfb e la cascata Santanel

… e infine, un breve attimo di motion-picture:

10 thoughts on “Santanel

  1. Complimenti a tutti e due, Però! Il vecchio lì davanti ci sa sempre fare, nonostante gli anni passino.
    E’ dura invecchiare senza crescere. Questa vale anche per me.

      1. Jean du Chardonnay, seigneur du Pinot, onorè de Barbèere, gran chevalier du temple de la sancte ville de Gerusalemme, Templier honorè ha detto:

        Non, je ne regrette rien

        Non! Rien de rien …
        Non ! Je ne regrette rien
        Ni le bien qu’on m’a fait
        Ni le mal tout ça m’est bien égal !
        Non ! Rien de rien …
        Non ! Je ne regrette rien…
        C’est payé, balayé, oublié
        Je me fous du passé!
        Avec mes souvenirs
        J’ai allumé le feu
        Mes chagrins, mes plaisirs
        Je n’ai plus besoin d’eux !

        Balayés les amours
        Et tous leurs trémolos
        Balayés pour toujours
        Je repars à zéro …

        Non ! Rien de rien …
        Non ! Je ne regrette rien …
        Ni le bien, qu’on m’a fait
        Ni le mal, tout ça m’est bien égal !

        Non ! Rien de rien …
        Non ! Je ne regrette rien …
        Car ma vie, car mes joies
        Aujourd’hui, ça commence avec toi !

    1. Jean du Chardonnay, seigneur du Pinot, onorè de Barbèere, gran chevalier du temple de la sancte ville de Gerusalemme, Templier honorè ha detto:

      …inutile dispensare la poesia delle canzoni di Edith Piaf
      al grezzo volgo incolto anzi …incoltivato

  2. Ciao marco bellissime foto.
    Io ne ho una di te quando eravamo alla prima sosta
    te la mando tramite mail.
    Quando venite a far la cascata del giaset??

    1. Ciao omonimo Marco,
      grazie mille, spedisci pure.

      Una bella cascatina ci starebbe ancora bene, ora mi lasciano perplesso le nevicate (presumo che in Val Soana siano state di minore entità) e le temperature.

      Ma se torniamo in zona faccio sapere, magari anche per qualche altra attività alpinistica.

      Grazie ancora,
      ciao

  3. ciao marco
    e ste neve ha rotto un po le scatole.
    ok va benissimo se venite in zona ci sentiamo.
    ciao ciao….

  4. mi sono chiesto vedendo il filmato se Marco possiede un terzo braccio bionico e perche? Allora, con una mano si tiene la corda sotto l’assicuratore, con l’altra si tiene la corda sopra l’assicuratore e con quale mano si fa la ripresa video? Con la terza mano! Giusto, no? Miracoli della bioingenieria.

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.